I fantasmi del cimitero acattolico di Roma (di Claudio Casti)

Il cimitero acattolico di Roma, situato nel quartiere Testaccio, costituisce un luogo affascinante sia per i personaggi che vi sono sepolti, sia per l’alto valore artistico di alcune opere scultoree collocate sulle sepolture. Vi sono sepolti importanti personaggi tra i quali: Carlo Emilio Gadda, Bruno Pontecorvo, Antonio Gramsci,  Belinda Lee, Gregory Corso, Percy Bysse Shelley, John Keats e tanti altri. Le sculture in marmo che vi si possono ammirare, sembrano quasi raffigurare esseri umani e angeli pietrificati improvvisamente da qualche oscuro sortilegio. Ho pensato quindi di fotografare alcune opere particolarmente realistiche che danno appunto al visitatore la magica impressione che i personaggi che vi sono raffigurati anziché nati dal marmo si siano trasformati successivamente in tale materia. Forse è anche questo un modo di interpretare e raffigurare i fantasmi.

Questa voce è stata pubblicata in Fantasmi in città. Contrassegna il permalink.

4 risposte a I fantasmi del cimitero acattolico di Roma (di Claudio Casti)

  1. Paolo scrive:

    Ciao Claudio!
    Un luogo decisamente suggestivo!

    La 8 quella che tra le altre, a mio gusto, evoca maggiormente il tema che ci siamo dati!

    Un salutone!

  2. Pino scrive:

    Sono d’accordo con Paolo, questo è un posto dove è possibile rilevare bellissimi spunti. Per le immagini , io preferisco la 1 e la 7 che sono forse meno evocative del tema ( anche se essendo nel luogo in cui siamo ci rientrano automaticamente), ma sembrano rappresentare persone in vita assorte nei propri sentimenti: triste una , spensierata l’altra. Ciao Pino

  3. Stefano B scrive:

    Concordo con la suggestività del luogo. La 8 è bellissima e struggente.

  4. Roberto scrive:

    ….n° 7,8

Lascia un Commento