Una domenica alla “Piana delle orme” (di Paolo Scrimitore)

Una selezione della raccolta “Le immagini femminili nei monumenti romani” è stata esposta, dal primo al 3 di ottobre 2010,  nella struttura della “Piana delle orme” nei pressi di Borgo Faiti (LT).

L’occasione è scaturita da un’iniziativa multiculturale a cui hanno dato vita anche gli amici del Circolo Culturale Pontino e del Foto Club Latina.

Una buona occasione per fare un salto lì Ben, Rosaria ed io; abbiamo così visitato la sala espositiva, dove come si vede dalle immagini vi erano in totale 3 mostre fotografiche,  e conversato di fotografia con Angelo Movizzo e Luigi Passero (grazie per l’opportunità di esporre avuta lì)!

Nel pomeriggio un giro sul  bel lungomare di Sabaudia … e poi tutti a casetta!  Non poteva mancare qualche scatto!

Questa voce è stata pubblicata in Incontri GFCR, Varie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Una domenica alla “Piana delle orme” (di Paolo Scrimitore)

  1. pino scrive:

    Cme dire, sono sempre belle esperienze e poi c’è la soddisfazione di vedere le proprie immagini e quindi il proprio lavoro disponibile alla vista di tutti. Tra l’altro con i gruppi di presidio che sono stati istituiti sugli argomenti ,Tevere e sulle Immagini femminili dei monumenti Romani, direi che c’è un ulteriore stimolo per tutti ad incrementare queste nostre mostre itineranti. A proposito delle immagini allegate all’articolo, non posso fare a meno di notare “la sala espositiva 1″ dove in vista predominante c’è quella splendida Fiat 1100, ulteriormente valorizzata dalle linee di fuga del soffitto che la mettono ancor piu’ al centro dell’attenzione. Ciao Pino

  2. pAolA scrive:

    Ecco di nuovo le nostre foto in mostra! Quest’anno abbiamo avuto tante possibilità di esporre, devo dire!

    un saluto a tutti!

  3. Paolo scrive:

    Pino quella è una 1100 fiat tipo H; cambio al volante; ho imparato a guidare con quella; prima macchina della mia famiglia.
    Entrando e vedendola esposta lì … “malinconia”!!
    Si sono sicuro che la cura delle raccolte, affidate “in buone mani” darà nel tempo buoni risultati sia nella qualità del lavoro collettivo sia nella possibilità di avere tutto il gruppo presente in una raccolta costituendo quindi stimolo anche per il singolo!

    Ciao Paola si, decisamente ci siamo impegnati abbastanza. Come numero di attività/morstre/eventi direi che ci siamoci siamo; ora puntiamo anche ad elevare il livello (in senso lato) delle raccolte che esporremo.

    Un salutone e grazie per il passaggio!!

Lascia un Commento